• Avv. Edoardo Tamagnone

L'immobile nel trust e l'imu

E' esente dall'imposta soltanto il trust con finalita' assistenziale




Molto spesso si fa ricorso all’istituto del Trust per segregare un immobile al fine di proteggere e trasmettere il patrimonio familiare.


“Uno dei beni che tipicamente vengono conferiti nel Trust è l’abitazione che il disponente (o talvolta i beneficiari) utilizzano quale propria abitazione principale. In questi casi si pone il problema dell’applicazione dell’IMU, atteso che l’esenzione per l’abitazione principale vale per l’immobile nel quale il possessore e la sua famiglia dimorano abitualmente.”

Nel caso del conferimento dell’immobile in Trust si deve in primo luogo ritenere che il soggetto passivo ai fini IMU sia il Trust stesso. Infatti, malgrado il trust non possieda personalità giuridica (in base alla convenzione dell’Aja è infatti definito come “rapporto giuridico”), nella scelta del legislatore assume piena soggettività fiscale ai fini delle imposte dirette come entità fiscalmente separata tanto dal disponente quanto dal trustee.



L'obbligo di pagare l'imu in capo al trust

A maggior ragione, la soggettività passiva deve essere riconosciuta ai fini IMU, in quanto tributo basato sulla “intestazione” del bene. Nulla osta perciò all’applicazione della disciplina IMU al Trust. Tuttavia pone numerosi problemi la questione riguardante la possibilità di applicare le agevolazioni (attualmente l’esenzione) che la normativa IMU riconosce a favore dell’immobile che il contribuente abbia destinato ad abitazione principale.


Il caso potrebbe essere quello del disponente, proprietario di un immobile utilizzato come abitazione principale (che pertanto godeva dell’esenzione IMU) che istituisce un Trust, di cui il beneficiario è il figlio. Il Trust può prevedere che il figlio-beneficiario continui ad abitare nell’immobile conferito nel fondo: ma sarà ancora applicabile l’esenzione IMU?


Dal momento che il nuovo soggetto passivo è il Trust la normativa, invece, non riconosce a tale soggetto alcuna agevolazione in materia di abitazione principale. La conseguenza è che il Trust dovrà pagare l’IMU sull’immobile trasferito, pur se adibito ad abitazione principale del beneficiario.


Il trust con funzione assistenziale

Secondo la giurisprudenza più recente (Commissione Tributaria Provinciale di Brescia, Sez. 2, sentenza n. 342 del 23 maggio 2017) le agevolazioni fiscali per l’abitazione principale possono essere applicate a condizione che il possessore dell’immobile sia una persona fisica, mentre la disciplina IMU non cita in alcun modo il Trust.


Tuttavia la Commissione Tributaria Provinciale di Parma con la sentenza n. 89 del 6 luglio 2012 ha aperto la porta ad una possibile esenzione IMU per il Trust, limitatamente ai cd. Trust assistenziali.


In materia di IMU, infatti, il D.Lgs. n. 23/2011, che ha introdotto la nuova imposta patrimoniale nel nostro ordinamento, rinvia espressamente all’art. 7 del d.lgs. n. 504/1992 (la vecchia normativa in materia di ICI), che, a sua volta, dispone che “sono esenti dall’imposta gli immobili utilizzati dai soggetti di cui all’art. 73, comma 1, T.U.I.R.” a condizione che siano destinati esclusivamente allo svolgimento con modalità non commerciali di attività' assistenziali, previdenziali, sanitarie, di ricerca scientifica, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive.


Dal momento che tra i soggetti ricompresi nell’art. 73 del Testo Unico sulle Imposte sui Redditi vi rientrano anche i Trust si può pertanto ritenere che siano esenti dall’IMU esclusivamente quelli che non hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali: in altrea parole il Trust deve avere finalità non lucrativa e funzione assistenziale.

Nella sentenza richiamata, infatti, si afferma che “va segnalato come il bene possa essere ritenuto esente ICI solo ed esclusivamente quando lo stesso viene conferito ad un ente (trust) con finalità assistenziali” a rimarcare il fatto che le agevolazioni devono essere verificare in capo al Trust stesso. Soltanto dimostrando, sulla base dell’atto istitutivo, che lo scopo del Trust è meramente assistenziale può comportare l’esenzione dal tributo.


Infine bisogna ricordare che il Trust sarebbe stato esente dall’IMU anche nel diverso caso in cui al suo interno fosse stata conferita esclusivamente la nuda proprietà dell’immobile, mentre il disponente si fosse riservato (per sé o per il figlio-beneficiario) l’usufrutto, ovvero il diritto di abitazione; in questo caso, infatti, soggetto passivo IMU continuerebbe ad essere il disponente stesso e, se questo dovesse continuare ad utilizzare l’abitazione come principale, egli manterrebbe il diritto a fruire dell’esenzione.



#Trust #Imu #Immobili #Patrimonio #Nudaproprietà

122 visualizzazioni
  • Black LinkedIn Icon
  • Black Facebook Icon
  • Nero Google Places Icona
  • Black YouTube Icon
  • issuu
  • Black Icon Instagram

© 2017 Studio Legale Tamagnone Di Marco | P.I. 11669410018 | E-mail: info@tamagnonedimarco.it  

Corso Fiume, 2 - 10133 Torino | Tel. 011 6605068 --- Piazzale Biancamano, 8 - 20121 Milano | Tel. 02 30316834

Polizza assicurativa per la responsabilità professionale AIG Europe S.A. - Rappresentanza generale per l'Italia